gscastelfranco2003.itG.S.Castelfranco 2003 gscastelfranco2003.it

Calcio a 11

- Album GS (storico)
- Clas. marcatori GS (storico)

- L'album
- La classifica
- Il calendario
- Class. marcatori GS

GSC in borsa: 24.03

Foto di gruppo





Sponsor



B & C Italia srl



Utenti in linea

-> Ospiti in linea: 1

-> Iscritti in linea: 0

-> Totale iscritti: 63
-> Il nuovo iscritto: Fabio sangiovanni

(Stag. 2018/19 – XXVI^ Gior.) - GS CASTELFRANCO 2003 - CUOIOPELLI: 1-0

GS CASTELFRANCO 2003: Ciampi (dal 52° Glielmi), Forgione, Ciampini, Seller (dal 37° Calò S.) Calò F., Montanelli – k – Ambrosone F. (dal 66° Ciardi), Mosca (dal 43° Simoncini),Venezia, Croccia (dal 46° Ceccarelli), Banti (dal 54° Benedetti) Allenatori Mr Papini e Ferradini.

Rete: autorete Cuoiopelli (GS) al 51°.

Angoli: 2-2

Note: recuperi 0 e 0 minuti. Ammoniti: Ambrosone F. (GS) e Talini (Cu).


Castelfranco “Matteoli” – sabato 30 marzo 2019.

Il triplice fischio finale di un successo di misura, sofferto e maledettamente complicato, accende le speranze dei bianco/verdi giocanti a convergere verso la panchina della dirigenza, quale fonte di verità.
Ma non vi è entusiasmo nei volti di chi poteva sapere e, pur nella consapevolezza dell’esiguo margine che la matematica ci sentenziava, la speranza di un finale positivo, mai era stata abbandonata.
Il GS CASTELFRANCO chiude la stagione al settimo posto, nell’esatto baricentro di un’annata dove il segno “X” è emerso prepotentemente fin troppe volte: mai, in questi ultimi 70 minuti di un ritorno al “Matteoli” (dal 6 maggio 2017 vs Amt Capanne 1-0 in rete Calò S.), i castelfranchesi sono transitati dagli spareggi di alta classifica visti che i due risultati che, contemporaneamente dovevano uscire, sono mai stati messi in discussione.
Il punto più vicino lo abbiamo toccato al fischio d’inizio: poi, Fornacette a sopravanzare, nella ripresa, un Futura Ghezzani vistosi sfuggire, sotto il naso, play/off quasi certi fino a poco tempo fa, a vantaggio proprio dei locali. In quel di Staffoli, Montecalvoli in sorpasso dopo lo svantaggio iniziale, affinché poter festeggiare spareggi promozione.
I nostri emissari, collegati su apposita chat, ci hanno fatto vivere il necessario “live”: probabilmente hanno assistito a match più interessanti rispetto al caotico derby conciario andato in onda dove, alle distratte idee castelfranchesi, si sommava una speranzosa Cuoiopelli per play/out dipendenti esclusivamente da campi altrui.

La cronaca è necessariamente scarna sia per un’ingombrante telecamera a voler immortalare l’eventuale miracolo (apparecchio lasciato a venti minuti dal termine), sia per la poca verve di una giornata che pone il punto finale del XVI° Campionato bianco/verde.
Prima frazione dove il GS CASTELFRANCO si presenta dalle parti di Vivaldi più frequentemente che non gli ospiti dalle parti del nostro n°1: ma sarà proprio Ciampi, al 15°, a correre il rischio più concreto quando, col piede d’appoggio, ferma la possibile realizzazione bianco/rossa.

Nella ripresa gli ospiti partono meglio: il centrocampo locale non filtra, riparte a fatica, è molto basso per il facile gioco santacrocese.
Ancora Ciampi – coi pugni – disinnesca la botta da lontano poi, al diagonale di Venezia alla ricerca della rete per la doppia cifra stagionale, risponde l’ex Diagne con collo pieno dalla distanza per l’ingoio pettorale di Ciampi.
Gol-partita al 51°: cross in area ospite, slancio di Banti a dichiarar tocco di sfera, intervento in copertura del difensore abbagliato dal sole che batte involontariamente nella propria rete. 1-0.
Il match si svilupperà, da lì in poi, in una passerella di sostituzioni dove possiamo citare la prima stagionale di Glielmi tra i pali e del diciassettenne Ciardi; mentre, dalle parti avverse, l’ex-Mr Castellani, ancora in quel suo ruolo, si veste di quel caro n° 9 per una ricerca dispettosa di realizzazione dell’ex.
Al 60° palo castelfranchese, un paio di minuti dopo, Ceccarelli e Venezia sfiorano l’occasione del raddoppio: poi, tutti negli spogliatoi dove, la certezza della fine campionato per i nostri colori (col quinto risultato utile consecutivo), non corrisponde all’altrettanta speranza di una Cuoiopelli adesso chiamata a play/out sicuramente complicati.
4,843,697 visite uniche